Incontro Nazionale Ordo Virginum 2008 S. Giovanni Rotondo

Articolo scritto lunedì, 18 agosto 2008


S. Giovanni Rotondo 23-27 agosto 2008
Si svolgerà in terra di Puglia, a S. Giovanni Rotondo (FG), l’Incontro Nazionale dell’Ordo Virginum delle diocesi italiane dal tema “Dall’Eucaristia al quotidiano, con Maria donna del grande Sì”. La piccola località del Gargano, mèta di numerosi pellegrinaggi intensificati per via dell’ostensione delle reliquie di S. Pio da Pietrelcina, accoglierà dal 23 al 27 agosto p. v. circa centosessanta vergini consacrate di diverse diocesi italiane presso il Centro di Accoglienza “Approdo”.
L’Incontro Nazionale, destinato alle vergini consacrate, a donne in formazione o interessate all’Ordo Virginum e ai delegati del Vescovo per l’Ordo virginum, oltre a favorire la fraternità tra le consacrate, si propone innanzitutto di approfondire l’identità e la missione della vergine consacrata che, inserita in modo particolare nella Chiesa, vive nella città, nella “compagnia degli uomini”, condividendone speranze e fatiche. Altri obiettivi: suggerire itinerari di formazione diocesani e personali e affrontare tematiche formative relative alla maturità umana, approfondendo in modo particolare i vari aspetti della personale affettività e fragilità.
L’Incontro Nazionale si aprirà con la celebrazione dei Vespri e dell’Eucaristia presieduta da S.E. Mons. Domenico Umberto D’Ambrosio, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, e vedrà la presenza di altri vescovi pugliesi, come S.E. Mons. Domenico Cornacchia, vescovo di Lucera-Troia, e S.E. Mons. Cosmo Francesco Ruppi, arcivescovo metropolita di Lecce.
Numerosi i relatori che interverranno: S.E. Mons. Vincenzo Pelvi (arcivescovo ordinario militare per l’Italia), Mons. Domenico Dal Molin (direttore Centro Nazionale Vocazioni), sr. Riccarda Lazzari (docente di Teologia, “Camillianum” di Roma), dr.ssa Paola Pellicanò (consacrata ordo virginum, Centro studi per la Regolazione Naturale della Fertilità presso la “Cattolica” di Roma), sr. Elena Bosetti (docente di Sacra Scrittura, Pontificia Università Gregoriana di Roma).
L’Incontro prevede anche momenti di confronto coi relatori, laboratori di approfondimento e tempi di preghiera liturgica. È prevista, infine, in questa terra di incontro e di dialogo con i fratelli cristiani d’Oriente, una speciale celebrazione ecumenica che si svolgerà a Monte S. Angelo e in cui interverranno teologhe rappresentanti delle comunità ortodossa, protestante e cattolica.
Chiamate a fare unità tra l’impegno ecclesiale e l’impegno nel mondo, attraverso il lavoro, le relazioni e i contatti, le vergini consacrate intendono mostrare che l’Eucaristia è sacramento dell’unità e aiutare la Chiesa ad essere segno e strumento dell’unità di tutto il genere umano, anche impegnandosi per la ricostituzione della piena e visibile unità di tutti i cristiani.

Nessun commento:

Posta un commento

Ti ringraziamo per il tuo intervento, ti invitiamo a firmarlo .... almeno il nome. Se inerente al tema, sarà pubblicato quanto prima. Avvertiamo che i commenti con links pubblicitari non verranno pubblicati.