XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO anno A

Articolo scritto domenica, 03 luglio 2011

 XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Dal vangelo secondo Matteo 11,25 -30
In quel tempo Gesù disse:
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

 

“Hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli” e chi sarebbero questi “piccoli”?
I piccoli non hanno paura di niente, si fidano di Dio, amano e basta!

I piccoli sono quelli che non si sentono grandi, che non cercano di mostrare di essere più di quel che sono perché sono consapevoli che siamo tutti uguali e che solo Dio è grande.
I piccoli non amano i giri di parole, non temono i giudizi degli altri, sono semplici, diretti, sinceri.
I piccoli riescono a sorridere per le cose semplici, vedono la bellezza del mondo, vedono oltre le apparenze!
Perché il loro sguardo non è filtrato da ciò che credono di aver imparato, sanno ascoltare e sanno stupirsi!
E allora, Signore, insegnaci ad essere piccoli, a fidarci di Te, ad amare!
Però, meno male che continui dicendo “ venite a me voi tutti… e io vi darò ristoro” meno male che ci inviti tutti, indipendentemente dal fatto che siamo piccoli o “dotti”
Ma… come… aspè… non ho capito! Ci inviti per darci ristoro e poi ci offri il tuo giogo? C’è qualcosa che non quadra!
Non sarà che il vero ristoro per le nostre anime è proprio il tuo giogo? Che ci serve ad imparare ad essere miti e umili di cuore, e quindi piccoli, e quindi capaci di conoscerti?
Evelissima

1 commento:

Ordo Virginum Sicilia ha detto...

#1 03 Luglio 2011 - 10:59

Grazie evelina, beati i piccoli, quelli che sono semplicemente innamorati di Gesù e lo hanno nel cuore, beati coloro che sanno amare nonostante tutto e sorridere a chi li calpesta,beati coloro che affrontano la malattia con un sorriso, consci che tutto il dolore è solo un mezzo che ci avicina alla croce e alle sofferenze di Gesù,beati quelli che sanno ancora commuoversi per un tramonto e per un fiore che sboccia, beati i timidi che sanno arrossire di fronte l'innocenza e la purezza..Grazie Signore Gesù per la tua parola che ancora una volta ci avvicina all'immenso dono del Tuo amore sconfinato per noi...
momi252

Posta un commento

Ti ringraziamo per il tuo intervento, ti invitiamo a firmarlo .... almeno il nome. Se inerente al tema, sarà pubblicato quanto prima. Avvertiamo che i commenti con links pubblicitari non verranno pubblicati.