Le sante, vergini consacrate, del mese di luglio

6 Luglio sec. IV Santa Ciriaca o Domenica di Tropea 
10 Luglio sec. III Santa Anatolia Patrona di Castel di Tora, Gerano, Sant'Anatolia di Borgorose,
                                                  Telti,  Tussio,, Sant'Anatolia di Narco. 
10 Luglio 257 Sante Rufina e Seconda
20 Luglio 290 Santa Margherita o Marina Patrona di Montefiscone (VT) e Licodia Eubea (CT)
25 Luglio sec. IV Sante Valentina e Thea

 25 luglio sec. IV  Sante Valentina di Cesarea e Thea di Gaza

La storia è citata da Eusebio di Cesarea, nella Storia Ecclesiastica, Libro VIII sui martiri della Palestina al capitolo VIII, qui si accenna al martirio di un gruppo di cristiani egiziani deportati in Palestina: novantasette uomini, con le loro mogli e figli, che per ordine imperiale il governatore Firmiliano costrinse ai lavori forzati nelle miniere dopo averli fatti torturare tagliando loro i tendini del piede sinistro e bruciando palpebra e pupilla dell’occhio destro prima di essere cavato. Altri cristiani che erano riuniti nel leggere la Sacra Scrittura furono deportati da Gaza e subirono le stesse torture o ancora peggio. Tra questi c’era una vergine, che i calendari danno nome di Ennata o Thea, virile per il suo coraggio che, per opporsi alla minaccia di prostituirsi, fu  flagellata, sollevata su di un alto palo e torturata ai fianchi.
Ad assistere a tale aberrante spettacolo vi erano anche dei cristiani di Cesarea tra cui Valentina, ben nota ai suoi concittadini, non avvenente d’aspetto ma forte nello spirito e fedele al proposito di santa verginità, la quale, non sopportando la vista di simili orrori, gridò di mezzo alla folla al giudice tiranno:
«E sino a quando torturerai questa mia sorella in modo così crudele?».  Il giudice ne fu irritato e la fece arrestare, intimandole di sacrificare agli dei, ma ella si rifiutò. Fu pertanto trascinata dinanzi all’altare per costringerla a sacrificare, ma Valentina, risoluta prese a calci l’altare e rovesciò il braciere che vi era presso. La furia del giudice fu irrefrenabile, comandò che venisse torturata ai fianchi più degli altri.  Infine ordinò che fosse legata insieme a Thea e date al rogo mentre erano ancora in vita. Era il  25 Panemos, l'ottavo giorno delle calende di agosto, cioè, il 25 luglio al tempo dell’impero di Massimiano. Stessa data viene riportata nel  Martirologio romano che le menziona unitamente al santo martire Paolo.  
 

 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Ti ringraziamo per il tuo intervento, ti invitiamo a firmarlo .... almeno il nome. Se inerente al tema, sarà pubblicato quanto prima. Avvertiamo che i commenti con links pubblicitari non verranno pubblicati.